Nel 2004 attraversai la più grande crisi della mia esistenza…il cambiamento. Mi trasferii in un’altra regione, un’altra città. Altri luoghi, altra gente, altre culture. Tutto nuovo, tutto da esplorare, tutto da vivere, tutto da costruire. La più grande sfida della mia vita. Dopo aver cambiato diversi lavori decisi nel 2006 di mettermi in proprio e aprire la mia piccola azienda, tanta paura ma anche tanto coraggio, momenti difficili e tante soddisfazioni hanno accompagnato la mia crescita personale. Adesso posso dire che quella crisi è stata una benedizione nella mia vita e non abbasso mai la guardia, non mi rilasso mai adagiandomi sugli allori, ogni mattina mi sveglio e studio qualcosa, ogni sera prima di addormentarmi studio qualcosa. Che la crisi fosse l’origine di nuove realtà lo sosteneva anche Albert Einstein. A chiunque adesso sta attraversando una crisi consiglio di lottare, in questi momenti non le vediamo ma ci sono, sono loro che ci ricompenseranno, sono loro che ci aiuteranno…sono le opportunità che si nascondono dietro le crisi.
—————————————————
“Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.

La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere ‘superato’.

Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell’incompetenza. L’ inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito. E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.”

Albert Einstein